sabato 6 aprile 2013

Quanti modi di fare e rifare gli stangulaprevet!

E anche per il mese di aprile è arrivato il momento del Quanti modi di fare e rifare. Solo che stavolta sono proprio io ad aprire ai partecipanti al gioco le porte della mia cucina virtuale, con la mia ricetta degli strangulaprievet al ragù!!!   Non vedo l'ora di andare a sbirciare ogni singola versione pervenuta dalle cuochine! Anche perché questa ricetta ha un significato particolare per me e vederla replicata è una soddisfazione immensa. Per questo voglio ringraziare di cuore Anna e Ornella per aver scelto proprio questa ricetta e tutte le meravigliose cuochine che l'hanno provata!!! Grazie!
E come è ovvio anche io mi son messa all'opera e li ho rifatti,  ma in versione un tantino diversa. Diciamo pure che questa versione si avvicina molto agli gnocchi alla sorrentina. diciamo pure che questi sono strangulaprevet un pò alla sorrentina e un tantino al gratin! Ho preparato un buon sugo di pomodoro, con il quale ho condito gli gnocchi. Ho aggiunto della mozzarella e ho passato il tutto in forno per circa 15 minuti. Buonissimi anche così!!!

Ingredienti per il sugo di pomodoro
500 gr di pomodori pelati in barattolo
2 cucchiai di olio evo
1 spicchio d'aglio
basilico qb
Sale qb
Zucchero qb
Pepe qb
  • Far rosolare l'aglio nell'olio, aggiungere i pelati, avendo cura di eliminare l'aglio dall'olio.
  • Aggiungere il sale, il pepe e lo zucchero e lasciar cuocere per circa venti minuti.  

Ingredienti per gli strangola preti (x 4 persone)
300 gr di farina 00
100 gr di semola rimacinata di grano duro
Acqua qb

300 gr di mozzarella
50 gr di parmigiano reggiano grattugiato
  • Impastare la farina con tanta acqua (leggermente salata) quanta ne basta ad ottenere un impasto morbido e facile da lavorare.
  • Far riposare l'impasto per 15 minuti.Trascorso questo tempo, formare dei cilindri, grossi più o meno un dito, che andranno tagliati a tocchetti.
  • Con l'aiuto del dito indice, incavare gli gnocchi.
  • Cuocere in abbondante acqua salata. Saranno cotti, quando saliranno a galla.
  • Condire con metà del sugo di pomodoro e adagiare gli gnocchi in una pirofila.
  • Aggiungere agli gnocchi della mozzarella a tocchetti, adagiarvi al di sopra altri gnocchi, cospargere con il restante sugo di pomodoro e con del parmigiano e passare al forno per circa 20 minuti.

25 commenti:

  1. Grazie carissima Spery per averci ospitato nella tua bellissima cucina e per questa splendida ricetta degli strangula prievet che abbiamo avuto modo di replicare tutti insieme!
    Oggi ci siamo dilettati e divertiti a preparare questo squisito piatto napoletano, invece il 6 maggio voleremo nella bellissima Grecia, nella grande cucina di Marina per la sua Bughàtsa dolce da Salonicco. Al prossimo mese!
    Un abbraccio

    Cuochina

    RispondiElimina
  2. ciao Spery,
    abbiamo preparato con gioia la tua ricetta e ci
    siamo letto la loro origine e le tradizioni, ci siamo proprio divertite!
    GRAZIE
    e adesso proveremo anche questa versione!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  3. ha....io ho sgarrato con la dose per cui il tegamino rimasto e` anche finito gratinato due giorni dopo....per la gioia del marito
    La mia bimba ringrazia per averceli fatti rifare lei si diverte ad incavarli oltre che a mangiarli...mia nonna li faceva cosi` e li abbiamo preparati perecchie volte.
    Alla prossima
    francesca

    RispondiElimina
  4. ...e li rifarò anche segundo questo tuo suggerimento!!

    buonissimi sul serio

    buon w.e.

    RispondiElimina
  5. buonissimi anche così! alla sorrentina al forno, na bontà! ciao cara e grazie!

    RispondiElimina
  6. Grazie mille per averci ospitate nella tua bella cucina....che profumino questa versione al gratin....ci piace!!!

    RispondiElimina
  7. Grazie per averci regalato questa buonissima ricetta.
    Che dire della tua versione! Si vede la mano del maestro :-))))))
    Gratinati non li avevo pensati . Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  8. grazie per avermi fatto provare questa ricetta che da tempo volevo assaggiare!

    RispondiElimina
  9. Bella anche questa versione! Ad avere una bella e buona mozzarella campana... Che invidia.
    Se proprio non riesco a resistere mi devo accontentare di quelle a luuuunga conservazione, ma raramente mi faccio tentare.
    Grazie della tua grandiosa ospitalità, sei stata una stupenda padrona di casa :)
    Baci

    RispondiElimina
  10. Ciao Spery,
    abbiamo messo un poco "sottosopra" la tua cucina e ci siamo davvero divertiti molto, è stato bello condividere questo meraviglioso piatto, grazie per averci ospitato!
    Ci attira molto anche la versione sorrentina-gratinata...
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  11. passo da te per ringraziarti da parte di mia figlia che per la prima volta in vita sua ha mangiato gli involtini e le costine di maiale, da oggi in poi lo farò un po' più spesso :-D

    RispondiElimina
  12. Che dire, grazie per averci ospitati nella tua cucina... io che questo piatto lo faccio spessissimo, mi sono proprio divertita a rifarlo in vostra compagnia... :-)
    Ogni tanto anche io li faccio gratinati con la mozzarella... sono spettacolari SEMPRE!

    RispondiElimina
  13. Grazie della ricetta Spery, mi hai dato l'opportunità di preparare questo fantastico piatto grazie! e bella pure l'idea della gratinatura...lo rende ancora più comodo!!! Piatto unico con possibilità di prepararlo prima.. meglio di così!!!un bacio e grazie ancora!

    RispondiElimina
  14. Grazie Spery per la buonissima ricetta! Avevo sentito parlare del ragù napoletano, ma non immaginavo tanta bontà!
    Buona l' idea della gratinatura, è più che certo che rifarò la tua ricetta!
    Grazie per l'ospitalità!
    Baci e alla prossima, ti aspetto alla mia cucina!

    RispondiElimina
  15. Meravigliosa anche la versione sorrentina al forno, da rifare prestissimo! Grazie carissima per la splendida ricetta e per la squisita ospitalità! Un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
  16. Ciao Spery! Hai una nuova follower... di Mira! Ti ho trovato guardando il sito "Peccati di gola"! Piacerebbe anche a me seguire qualche corso a Mestre. Se vuoi venire a trovarmi nel mio blog mi farà molto piacere! Ho aperto da poco il mio primo contest. Magari potrebbe interessarti... Mi trovi qui: http://nonnarica.blogspot.it

    RispondiElimina
  17. quanto mi piacciono!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  18. Ma che bella questa nuova versione Spery, mi è tanto piaciuto preparare questa tua ricetta, grazie! un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Scusa il ritardo, ma sono senza internet! Ho rattoppato con il cellulare in modalità hotspot..

    Mamma mia che splendida foto! *__*
    Il tuo piatto era squisito! Grazie per averci fatto condividere questa fantastica ricetta!
    Baci!

    RispondiElimina
  20. Sono stata molto contenta di fare il ragù napoletano. :)
    Anche questa versione è ottima.

    RispondiElimina
  21. La tua versione non poteva che essere superlativa e golosa! Ti ringrazio per aver condiviso questa ricetta che ormai dovrò rifare seguendo alla lettera le tue indicazioni. Spero che la mia versione non sia troppo "alternativa" ai tuoi occhi!!
    A presto!

    RispondiElimina
  22. ciao...seguo il tuo blog gia da un bel po...io sono l amministratrice del blog:
    http://cottoespazzolato.blogspot.it/
    da poco ho dovuto cambiare l url al blog quindi sicuramente non riceverai i miei post nella bacheca...se ti fa piacere riceverli cancellati dal mio sito e riiscriverti...per cancellarti basta che vai sul riquadro dei miei lettori fissi e accedi al mio blog con il tuo username e password...poi sempre dal riquadro dei miei lettori fissi clicchi su la freccia vicini opzioni,poi su impostazioni sito e poi su "non seguire questo blog". dopo di che ti dovresti riiscriverti al mio blog...ne sarei molto onorata...grazie mille...

    RispondiElimina