martedì 18 settembre 2012

Pane di segale con crudo e melanzane al profumo di mentuccia per una nuova avventura.....

Non sono sparita. Sono ancora qui. E' solo che la mia vita nelle ultime settimane è un tantino cambiata.
Sembra che la spirale del precariato sia svanita e che il miracolo sia avvenuto. 
Finalmente ho anch'io un contratto a tempo indeterminato. Da docente precaria a prof. di mate e fisica a tutti gli effetti!!!!!
Per ora ho una sede provvisoria e che sede!!!! Udite, udite la bella Venezia mi ospita tutti i giorni, con tanto di traversata a piedi di Piazza San Marco, per giungere dall'Accademia fino al sestrier di Castello.
Di certo alla fine di giugno avrò una linea invidiabile, a patto, però, che non mi lasci tentare dai tanti bacari che incontro lungo il cammino. 
E' una sensazione che non so spiegarvi. Vado su e giù e non avverto la stanchezza, tanta è la gioia per avercela fatta. Non ho più tanto tempo da dedicare a queste pagine, ma giuro che ce la metterò tutta per continuare a far crescere questa mia creatura.
Mi spiace non riuscire più a star dietro a tutte le belle iniziative dei miei amici food blogger, ma spero riusciate a perdonarmi!
Intanto tra una traversata e l'altra vi lascio questa ricetta di un pane condito un po' alternativo, davvero gustosissimo.
Se riuscite, provatelo come aperitivo, leggermente tostato e accompagnato da una confettura di pomodori verdi SIGI.....una delizia!!!!




Pane di segale con prosciutto e melanzane al profumo di mentuccia....a lievitazione naturale ovviamente!!!

Ingredienti
200 gr di pasta madre rinfrescata (oppure 20 gr di lievito di birra)
150 gr di farina di segale (200 gr se con lievito di birra)
450 gr di farina 0 (540 gr se con lievito di birra)
330 gr di acqua (400 gr se con lievito di birra)
20 gr di olio di semi di arachidi (30 se con lievito di birra)
1 melanzana grigliata
180 gr di prosciutto crudo a dadini
10 gr di sale
1 cucchiaino di malto d'orzo
mentuccia qb
confettura di pomodori verdi SIGI




  • Nella ciotola della planetaria, con l'aiuto della foglia (K), sciogliere la pasta madre con l'acqua e il malto a bassa velocità. Aggiungere le farine (tenendone da parte 1 cucchiaio di farina 0), il sale e far incordare bene l'impasto, che risulterà morbido ma incordato. Far andare la macchina per qualche minuto a velocità 1.
  • Aggiungere a filo l'olio, gradatamente. Fare in modo che l'impasto rimanga incordato. 
  • Quando tutto l'olio sarà assorbito, montare il gancio, aggiungere la parte di farina tenuta da parte e lavorare un paio di minuti, sempre a velocità 1.
  • Lasciar riposare l'impasto in una ciotola, coperto con pellicola per almeno 30'.
  • Dividere l'impasto in tre parti di ugual peso. 
  • Con l'aiuto di un matterello, stendere le tre parti di impasto in tre strisce strette e lunghe.
  • Sulle strisce, adagiare il prosciutto a dadini e la melanzana grigliata a pezzetti.
  • Profumare con della mentuccia e chiudere le strisce in modo da ottenere tre cordoni, che poi vanno intrecciati.
  • Adagiare la treccia in uno stampo a cassetta e lasciar lievitare fino al bordo.
  • Cuocere a 220° per 30 minuti circa in forno statico.



15 commenti:

  1. Siamo contentissimi e gioiamo con te per questo importante traguardo,la serenità è il primo pilastro della famiglia.
    Professoressa questo pane ti e' venuto una meraviglia,......... a proposito qual'e' la materia che ti hanno assegnato????
    Lievitati???????(sempre matematica è)
    :-)

    RispondiElimina
  2. Auguri di cuore bella professoressa. Il pane come tutte le cose che farai, ora avranno un sapore particolare. Complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  3. Bentornata e complimenti per la tua cattedra! E poi venezia è una meraviglia mi hai fatto venir voglia di ritornarci presto...
    Un pane davvero ottimo e perfetto!

    RispondiElimina
  4. Oh allora, anche qui i miei complimenti più grandi e sinceri per il lavoro!!!!!!!!!!!E poi....per la tua bravura e creatività in cucina!!!!!Sei troppo forte, Spery!!!ti capisco, ultimamente sono davvero presa, il blog non lo apro nemmeno piu--vado di post in programmazione!!!!Ok, passerà e ci godremo anche i frutti del nostro lavoro..Te lo auguro di cuore!!!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. che bellissima notizia!!!!!!!!!!
    sono felicissima per te!!!! complimentissimi!!!
    come sede provvisoria direi...niente male
    buone traversate e attenta ai bacari ;)
    delizioso il tuo pane, lo preparerò per aperitivo e brinderò a te e alla tua cattedra!!

    RispondiElimina
  6. Allora tantissimi auguri,immagino la soddisfazione e la gioia!E per festeggiare una bella fetta di pane così invitante è proprio l'ideale!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Una notizia bellissima che fa tanto, tanto piacere!!! Auguri e buon lavoro! E salutami la bella Venezia :-)

    RispondiElimina
  8. complimenti per il tuo contratto, in tempi di crisi come questo è proprio una bella notizia, la tua ricettina invoglia proprio all'assaggio, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. Felicissima del tuo contratto, sede in una delle città + belle del mondo questa si che è una bella notizia il tuo pane super goloso...auguri per il lavoro ciao Luisa

    RispondiElimina
  10. Sentivo un tantino la tua mancanza, però immaginavo il motivo.
    Sono felice per te, un traguardo raggiunto ma anche un punto di partenza per poter fare nuovi progetti per il futuro.
    Ti auguro tante belle soddisfazioni e anche se il tempo sembra ti sfugga di mano, non abbandonare mai questa piccola finestra sul mondo della cucina.
    Ti saluto con affetto

    RispondiElimina
  11. Complimenti!! ogni tanto qualcosa si muove! E poi Venezia ogni giorno... non è proprio il peggio che può capitare :)
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  12. Una notizia magnifica!! Congratulazioni, prof!!!
    Goditi Venezia ( ti invidio un pò) e buon anno scolastico!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  13. devo dire un pane di segale molto interessante e complimenti

    RispondiElimina
  14. Splendida ricetta! Devo aggiungere anche che mi incuriosisce molto fare una confettura di pomodori verdi (che sono appesi a grattarsi nell'orto).

    Andrea

    RispondiElimina